La vita a Milano durante lo stage ELIS College

La vita a Milano durante lo stage ELIS College
Giovedì, 12 Maggio 2016

Sono passate ormai due settimane da quando ci siamo trasferiti a Milano per lavorare, dopo aver quasi ultimato il ciclo di studi presso l'ELIS College, e ci siamo fatti subito questa idea: esiste Roma, città caotica, rivoluzionaria e multietnica, e Milano, città perfettina, organizzata e tecnica.
Durante queste due settimane non abbiamo avuto troppo tempo libero, quindi chiederci "com'è la vita a Milano" è la domanda più inutile. Interessante può essere invece il rapporto che due studenti di ELIS College, vedendo la conclusione del loro percorso di studi, hanno con il mondo del lavoro e la vita fuori dal College! Dopo qualche ora di riflessione e un po' di esperienze, abbiamo stilato questi cinque punti per vivere al meglio questo periodo.
Passo n° 1. Imparare a stirare e cucinare è il primo scalino. Fortunatamente, dalla nostra parte, abbiamo genitori che hanno passato una vita prima di noi a svolgere queste mansioni, quindi ottimi maestri da cui imparare. Primo scalino: superato!
Passo n° 2. Imparare a muoversi in tempo e gestire il proprio tempo. Qui ci vengono in aiuto le lezioni di ELIS College, l'impegno personale e le esperienze passate. Il periodo in Irlanda è stato importante anche per questo, per imparare a dividere il lavoro dalle relazioni, per imparare a gestire i momenti di ozio e renderli proficui per le nostre persone.
Passo n° 3. Conoscere te stesso e il mondo che ti circonda. Nella vita da coinquilino è molto importante il rispetto reciproco. Bisogna stare con tutti i sensi attivi, pronti anche a capire se c'è qualcosa che non va nel comportamento dei tuoi compagni, ancor più della semplice condivisione della quotidianità.
Passo n° 4. Migliorare, prima di altro. Importante è anche capire che siamo qui per uno scopo: bisogna migliorare il mondo essendo sè stessi. Inutile negarlo o portare tesi opposte.
Certe situazioni, certe idee, certe mentalità degli anni 70 e 80 che vivono anche al giorno d'oggi, possono cambiare solo se noi siamo disposti a farle cambiare. E ve lo dicono due meridionali a Milano, cioè… Andiamo dai!
Passo n° 5. Imparare il rispetto. Questo è il passo finale, non solo per importanza, ma anche per difficoltà applicativa. Rispettare e rispettarsi devono essere due verbi all'ordine del giorno, altrimenti si vive male e si fa vivere male!
Il nostro è solo un consiglio. Sta a voi accettarlo.
Autori: Francesco Divittorio & Francesco Di Maggio